Recensioni





Stolen Apple - Trenches / CD
Rock Bottom Records / 2016
Rock, Indie, Alternative
Ascolta il brano: Red Line


Stolen Apple - Trenches

Più che con “Trincee”, mi piacerebbe tradurre il titolo dell’album degli Stolen Apple con “Solchi”, perché questo lavoro traccia una linea netta all’interno dell’indie-rock italiano e lo fa con una leggerezza ed una maestria difficile da eguagliare negli ultimi tempi.
Il gruppo fiorentino non è proprio di primo pelo, sono tutti nomi noti nella scena indie toscana dei primi duemila (quella dei Velvet Score e dei Nest, per l’appunto).
È proprio la loro esperienza e le radici comuni, l’indie anni 90 dei Wilco o dei Dinosaur Jr, ben radicato nella cultura country americana sin dai tempi dei Birds, a rendere Trenches un disco ben strutturato e allo stesso tempo fruibilissimo.
Da un ascolto all’altro viene sempre più fuori il suono di una band che si sta, prima di tutto, divertendo, questo appare subito chiaro con Red Line e con maggiore evidenza in Pavement.
Gli Stolen Apple si divertono, ma mai a discapito delle canzoni (vedi Day Dream).
Showgaze? Psichedelia? Forse, ma non per moda; le tracce non sono stucchevoli né autoreferenziali, mai ripetitive, forse perché frutto di un lavoro collettivo che, nei 12 brani, da spazio ad ogni elemento della band.
Sperando di poterli vedere dal vivo dalle nostre parti, aspettiamo un altro lavoro degli Stolen Apple sullo stesso, splendido, solco di Trenches.

Marcello Spriergrhr


Stolen Apple - bandcamp



Carrello