Recensioni





Crocodile Gabri - Le mie cose stranissime / Cd
Seminal Pastures - 2018
Experimental metal / progressive metal
Ascolta il brano: Fast Boy

Dall'assolata Trinacria, precisamente da Catania, arrivano a destabilizzarci i Crocodile Gabri con questo primo lavoro dallo stranissimo titolo Le mie cose stranissime, uscito lo scorso febbraio per l'etichetta Seminal Pastures. Effettivamente è pieno di cose stranissime. I Crocodile Gabri sono nati come one man band nel 2017 e nel tempo si sono aggiunti collaboratori di assoluto valore: il disco infatti è suonato con una grande padronanza tecnica, esaltata da una produzione molto pulita e funzionale alle partiture estremamente complesse. Parliamo di avantgarde progressive metal con pennellate di rock sperimentale e derivazioni fusion, il tutto sostenuto da una sezione ritmica impressionante. Affiorano qua e là Meshuggah, Mr.Bungle, Primus, Elio e Le Storie Tese. Anche le liriche e le linee vocali sono istrioniche, schizofreniche e geniali: rimandano tanto a Mike Patton quanto al nostrano Elio. Le mie cose stranissime non è un disco che si può apprezzare dopo un solo ascolto, ma chi avrà la pazienza di scoprire tutte le sfumature e le intricate soluzioni e dissoluzioni sonore verrà ricompensato con 33 minuti abbondanti di genialità.
Iniziate con Ammiraglio e Fast Boy e vi verrà voglia di continuare con tutto il resto.

Catapain

Le mie cose stranissime / Bandcamp

Carrello

Ultimo numero

UX 18 sito

Partner

Partner