Recensioni



Luigi Frassetto – 33 1/3 - Vinile  
Autoprodotto – 2019
Strumentale
Ascolta il brano: L’Angelo di Balai

Luigi Frassetto corona il sogno maturato nel lungo periodo trascorso all'estero e dà alle stampe un album di canzoni strumentali per raccontare e lasciare memoria imperitura della propria idea musicale. Ci propone dodici tracce che sembrano uscite da altrettanti capolavori cinematografici. È sufficiente ascoltare le prime note per capire che il progetto è costato lunghe ore di lavoro per ottenere un suono ammaliante, un canto di sirena che ipnotizza fino all'ultimo dei 33 giri e 1/3. L'influenza dei grandi musicisti italiani che hanno scritto per il cinema – Trovajoli, Rota, Morricone ecc. – si sente, ma viene gestita in modo maturo e sfruttata per inventare melodie struggenti. Il viaggio comincia con 16 Febbraio, una bossa nova dal gusto agrodolce. Wasteland ha una linea di basso incalzante e a momenti ci cala in un’atmosfera claustrofobica in stile Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto.


foto di Selene Dessena

Sprks è stata composta insieme a Federico Pazzona e a Gianni Lubinu (impeccabile bassista in tutte le esecuzioni) ed è impreziosita dalla inconfondibile voce di Daniela Pes, che tesse uno splendido ricamo di vocalizzi. Tema del Bacio chiude la facciata A, dove si ribadisce l'indole profondamente romantica e la ricerca ossessiva di una melodia che predispone all'amore. Surf Bolero – scritta da Marco Testoni, musicista eclettico e compagno di avventure nel periodo londinese –  è un accattivante gioco di riff e virtuosismi con le tastiere. Un sound molto energico, con richiami alla surf music anni sessanta, caratterizza invece Some sort of Cool. Il tema del mare ritorna anche ne L'Angelo di Balai e in Luci a Mare, segno di una forte ispirazione data da questo elemento.
Frassetto sfrutta al massimo la lunga esperienza di artigiano del suono e così tutte le canzoni scorrono fluide e gli incastri musicali sono perfetti. Sempre piacevole e ricercata la base ritmica che Lorenzo Falzoi propone in ogni brano. L’originale veste grafica è stata curata da Adam Juresko, interessante artista d'oltreoceano.
Insomma Luigi ha colpito nel segno, riuscendo a farci emozionare. Il suo vinile avrà sempre uno spazio in prima fila nelle nostre collezioni ed essendo un artista prolifico e sempre in movimento, sono certo ci stupirà a breve con altri lavori di uguale spessore.

Vanni Cossu

luigifrassetto.bandcamp.com/


Foto di Salvador Mejia - Luigi Frassetto Double Quartet 

Carrello