You Closet


Questa è una vecchia, vecchia storia, talmente vecchia che chi la conosce pensa a torto si tratti di un'invenzione bella e buona. Ma io posso assicurarvi che anche i racconti più leggendari hanno una base realistica, e come diceva John Ford (anzi faceva dire al suo giornalista ne L'uomo che uccise Liberty Valance) "Se la leggenda diventa realtà, stampa la leggenda!"



Qui giust'appunto di stampa ci occupiamo e quindi andremo a narrarvi la vecchia vecchia storia di un mio vecchio amico: Cosmo il rockabilly.

Era la primavera del 1954, la primavera più calda del 1954, a Memphis nel Tennessee, e per le strade si sentiva come un fermento nuovo, la sensazione che qualcosa di imminente, qualcosa di grosso, stava per scoppiare. E ci potete scommettere che stava per scoppiare proprio sotto i nostri piedi, per le strade di Memphis, nel Tennessee. Quel qualcosa era oltre che grosso, incontenibile, irresistibile e avrebbe cambiato i connotati alla faccia della terra, sissignore, quel qualcosa si chiamava rock'n'roll!

Ok, stop, scherzavo, non ho mica incontrato quel furbacchione di Cosmo a Memphis nella primavera del 1954, ma solo perchè io a quei gloriosi tempi ancora non c'ero. Ma chiedete a Cosmo, posso giurarvi che lui si che c'era, giacca di pelle, banana in testa, gambe avvolte con cura sul sedile cromato della sua Harley, sigaretta (spenta) tra le labbra e quello sguardo un po' così: un misto tra indolenza e sovrumana consapevolezza del proprio fascino.
Credo che Cosmo sia nato pressochè in quel periodo, già con un bel ciuffo brillantinato calato sulla fronte abbronzata, e da quel giorno, con nonchalance e un po' di ironia, ha attraversato intatto le decadi sempre uguale a se stesso ma anche un po' diverso, tra l'integralismo e il ruffianesimo alla conquista dei cuori delle ragazze con aspirazioni vintage.

E' così che in realtà ho conosciuto Cosmo, per via di una mia amica....ma forse ve ne ho parlato, si, Lola la pin up... bene; con mio sommo dispiacere all'epoca lui era il suo boyfriend, nonchè suo maestro di stile, e per stile intendo quel mix unico di abbigliamento, moto e parruccheria che un vero rockabilly sfoggia con la naturalezza più naturale del mondo.

Il nostro amato&odiato (dai maschi) è stato forse l'esemplare più perfetto di questa affascinante progenie che nasce (si l'ho già detto) nel 1954 a Memphis nel Tennesse e continua inalterata nei secoli, senza un capello fuori posto, a rockeggiare. Lo potreste trovare fuori dai vostri localini con le sue camicie hawaiane stirate accuratamente che si mette in mostra incurante dei terribili stracci che gli hipsterici di questo ingrato momento storico si portano addosso senza vergogna; oppure molto probabilmente ai raduni dei suoi simili dove in un' incredibile parata arcobaleno di gonne a ruota, tatuaggi old school, rombanti motociclette e scintillanti cadillac si balla fino all'alba del giorno dopo.

Oppure potreste incontrarlo in negozio di genere, mentre maniacalmente visiona i nuovi capi lavorati a mano, commissiona una giacca in pelle, sceglie con decisione una bolo tie azzurrina che starà benissimo con il suo adorato paio di scarpe scamosciate. Ovviamente blu.
Non c'è niente di abbozzato o imperfetto in Cosmo, il suo total look è studiato alla precisione, e non potrete mai trovare la sua adorata Lola ricoperta di un solo granello di polvere o sacrileghe ditate: egli infatti la lucida ogni giorno prima di portarla per strada a brillare: e ci potete scommettere che brilla talmente tanto sull'asfalto bollente da accecare i passanti...
Lola è l'amore della sua vita, il suo gioiellino d'epoca, manco a dirlo nata negli anni '50.

Ma che avete capito, mica parlavo della ragazza pin up, quella ne ha di cose da imparare...Lola per uno strano caso di omonimia è infatti anche la sua Harley Davidson blu ottanio, una delle motociclette del cinquantenario della storica casa produttrice che Cosmo ha ritirato personalmente a Milwaukee nel Wisconsin ovviamente intorno al 1954.
Che ci volete fare, lui ci tiene a rimarcare queste timelines, anche perchè sono la prova che lui il suo mito l'ha costruito con precisione certosina, mica come quei suoi stolti emulatori che con una visita dal barbiere e un paio di creepers pensano di riproporre i suoi outfits che non son mica solo vestiti ma un religioso stile di vita.
Rock'n'roll si nasce mica ci si diventa dice Cosmo, e ci potete scommettere che lui lo naque, nel 1954, a Memphis, nel Tennessee.

Joveline

ARTICOLO TRATTO DAL NUMERO 10 - GIUGNO 2013

(disegni di Zuanna Boscani)

Disegno di Elvis Teschio titolo:
Forever Young

Carrello