Recensioni




Ardours – Last Place On Earth / CD
Frontiers Records – 2019
Gothic Metal/Alternative

Dopo una lunga gestazione gli Ardours, band composta nel 2015 dalla cantante dei Tristania Mariangela Demurtas e dal chitarrista dei Cadaveria Kris Laurent (con in aggiunta un guest alla batteria come Tarald Lie dei già citati Tristania), debuttano con il loro primo LP Last Place On Earth, presentato il 7 settembre a Cagliari a La Cueva Rock. L’etichetta dietro questo lavoro è l’italiana Frontiers Record, che ha fatto della melodia e dell’immediatezza la cifra stilistica del proprio catalogo. Gli Ardours vanno proprio in questa direzione fondendo influenze gothic metal di stampo nord europeo, sprazzi di dark wave anni '80 e un gusto pop crepuscolare che rende accessibile il disco fin dal primo ascolto.
Protagonista assoluta dell’album è la voce di Mariangela, che sfoggia l’ampiezza del suo registro vocale, perfettamente a suo agio nelle ottime partiture di Kris Laurent. Spiccano in questo senso tracce come The Mist, in cui la suadente voce della singer accompagna l’ascoltatore in un’atmosfera tenebrosa in cui si fondono synth 80’s e chitarre rocciose, l’arioso refrain della title track, subito capace di rimanere stampato in testa o la malinconica No One is Listening.
Last Place On Earth è dunque un ottimo debutto, non esente da difetti, in cui una certa staticità della proposta musicale tende ad avvertirsi di tanto in tanto, ma ci presenta una band con le idee chiare che getta delle ottime basi per il proprio futuro.

Alessio Sechi









Carrello